RIBOLLA GIALLA – Speciale Macerata

RIBOLLA GIALLA – Speciale Macerata

La Ribolla Gialla del Friuli Venezia Giulia: Un vino straordinario, di una purezza e di un’eleganza infinita.

Prima di tutto la Ribolla Gialla è un vino che riconoscerete per i suoi profumi fini, minerali e il frutto affilato. È un vino con tracce balsamiche, con nette suggestioni di erbe aromatiche. Glicine, tiglio e agrumi sono i tratti distintivi per riconoscerla. In bocca è minerale, polposa, croccante, mai troppo rotonda o alcolica. Diciamo che riesce nel difficile intento di avere un equilibrio perfetto.

La Ribolla è un vitigno che ama le cime delle colline, ben drenate, ventose e suoli minerali. La sua maturazione è lenta, si vendemmia a fine settembre e questo permette di sviluppare profumi e aromaticità elegante. L’escursione termica aiuta come sempre la finezza del tratto.

La Ribolla Gialla prodotta con una lunga macerazione del mosto sulle bucce merita un discorso a parte e lo facciamo subito. Fa parte degli orange wines, i vini arancioni, una pigmentazione dovuta al rilascio di polifenoli, antociani e coloranti presenti nelle bucce. Qui il tutto è amplificato, il vino è meno stilizzato e più ampio, la polpa aumenta a dismisura.

Ma è normale, il contatto del mosto con le bucce aiuta il vino ad espandere il proprio fascino.

I profumi che emergono sono più resinosi, più densi, i tratti sono balsamici, speziati, aromatici, ma volendo anche più difficili da digerire. Il vino è più corposo, sfaccettato, ma anche tannico.

Non facciamo paragoni e non diciamo che una versione è più buona dell’altra: sono interpretazioni, vini completamente diversi, anzi all’opposto della gamma aromatica, che meritano entrambi un assaggio e tanto amore.

Se vogliamo schematizzare per rendere più chiara la divisione potremmo dire che la Ribolla Gialla con macerazione breve è più leggiadra e solare, quella macerata è più densa, verista, con toni più scuri.

Nella Ribolla Gialla macerata più densa i profumi sono quelli dell’autunno, ci sono castagne, mandorle tostate, prugne, foglie, cacao e sidro. Il colore è ambrato scuro e in bocca è spessa e consistente, ma splendida e vellutata.

All’opposto, la Ribolla Gialla a macerazione breve è gialla dorata, agrumata, piena di profumi di fiori, timo, bergamotto e ricordi minerali. In bocca è snella, salata, floreale.

Non è tanto lo spessore o l’alcol che cambiano, è la percezione dei colori.

Pensate che alcune cantine friulane hanno iniziato a spumantizzare la Ribolla Gialle per farne vini da aperitivo, frizzanti e anche spumanti metodo classico, ma è comprensibile, si presta: è acida, sapida e profumata. E poi con la mania del Prosecco ormai il vino frizzante ha sconvolto il mondo…